/

                                                   



Perche’ la virtualizzazione:
 

La virtualizzazione comporta diversi benefici, sia in piccole che in grandi aziende, che si traducono in un risparmio per la realizzazione gestione del data center.
 

La virtualizzazione è in grado di utilizzare al meglio le risorse hardware.

L'hardware attuale è particolarmente performante e spesso offre caratteristiche superiori a quanto richiesto dall'applicativo che viene eseguito. Basta pensare a macchine multi socket e multi core: ci si ritrova con elaboratori con 8 o più CPU. Usi tradizionali vedono un impiego di CPU limitato (10-15%). La virtualizzazione consente un più efficace utilizzo delle risorse hardware.


Risparmio energetico (green IT).

- Un server funziona 24 ore al giorno per 365 giorni all’anno (8760 ore). Con un consumo medio di 500 W sono 4380 KWh. Il condizionamento, che deve eliminare una energia paragonabile a quella consumata dal server, può pesare per circa 6000KWh. Si può pensare a circa 12000 KWh, considerando vari consumi aggiuntivi. Se il costo dell’energia è 0,1 euro/KWh il risparmio è di 1200 Euro/anno per server (il valore è certamente sottostimato). A questo va aggiunto il consumo energetico di apparati accessori come gli UPS, monitors, ecc.

- Un sistema virtualizzato vede più server funzionare su un unico hardware, da qui una migliore efficienza energetica: non solo un risparmio in denaro, ma anche il rispetto per l'ambiente. 


Indipendenza dall’ hardware.

- La macchina virtualizzata vede dispositivi virtuali: schede di rete, schede video, cpu, ecc, che sono svincolate dal particolare hardware e definite dal software di hypervisor. Muovere una macchina virtuale da un hardware ad un altro (implementazione di nuovo hardware o migrazione macchine per l’alta affidabilità o altro) non pone problemi di driver o compatibilità.



Separazione dei servizi.

- Ogni macchina vortuale ha un suo ambiente in uso esclusivo. E’ semplice separare i vari servizi su più macchine virtuali (anziché più servizi su una sola macchina), riducendo i fermi di manutenzione ed evitando che problemi di un servizio influenzino gli altri.



Riduzione dei costi capitali.

- L'hardware e relativi contratti di manutenzioni sono ridotti, così pure gli spazi richiesti negli armadi e nella sala macchine, riducendo l’investimento.



Riduzione dei costi per implementare nuovi server e amministrazione.

- Attivare un nuovo server è molto semplice. Non occorre nuovo hardware e le macchine virtuali possono essere clonatein modo semplice e veloce. La amministrazione delle macchine virtuali risulta semplificata.

 
 

Virtualizazzione e Cloud
 

Anche molti professionisti It pensano che il cloud corrisponda alla virtualizzazione (o ancor peggio al time-sharing) e che il termine in sé sia stato partorito dalla fantasia del marketing. Nulla di tutto questo. Teoricamente il cloud può essere realizzato anche senza fare leva sulla virtualizzazione. Certo, nelle infrastrutture cloud più comuni la virtualizzazione ne rappresenta un fondamento, ma non ne è l'equivalente.


In un ambiente cloud il contributo della virtualizzazione è determinato dalla capacità di astrarre il livello fisico dell'infrastruttura e abilitare il provisioning automatico delle risorse It.
Come gia’ ribadito anche in una dimensione non cloud la virtualizzazione ha i suoi vantaggi. Consente per esempio di utilizzare una più ampia percentuale delle risorse rispetto a una infrastruttura fisica.
Ciò che si deve tenere ben presente è che la virtualizzazione non rende di per sé disponibile l'automazione delle applicazioni, né l'erogazione on-demand e nemmeno una metrica di utilizzo.


La tecnologia che consente di trasformare l'infrastruttura virtualizzata in una vera cloud è la piattaforma. Abiquo, Cloud.com, Eucalyptus, Nimbula, OpenStack e VMware vCloud Service Director sono tutti esempi di piattaforme cloud. Quest'ultima nasconde agli utenti tutti gli aspetti del livello fisico dell'infrastruttura.
Con i tool di virtualizzazione si possono definire i cluster dei server fisici che si vogliono assemblare e virtualizzare; all'atto della creazione di una virtual machine permettono poi di definire l'host cui si vuole associare una determinata virtual machine, così come installare un sistema operativo e procedere alla configurazione del network.


Le piattaforme cloud semplificano tutte queste operazioni abilitando una sorta di provisioning di un vero e proprio sistema cloud. La piattaforma permette infatti di selezionare una lista dei template dei sistemi operativi predefiniti e delle configurazioni network associando il tutto a una virtual machine che soddisfi le specifiche richieste.

Si fa carico inoltre della gestione dell'host fisico sul quale viene installata la virtual machine e della capacità del data center stesso. Fornisce infine il catalogo dei template delle virtual machine e delle configurazioni.
 

Oltre il Cloud di base
 

Il cloud è quindi di fatto costituito da una piattaforma che fa riferimento a una piattaforma di virtualizzazione. Tuttavia, in un ambiente di business reale, una soluzione di questo tipo non è sufficiente a soddisfare la maggior parte delle attività che vengono erogate dalla cloud: una volta costituita nelle sue forme primarie – piattaforma + infrastruttura - si dovrà infatti trovare il modo di gestirne l'infrastruttura e la configurazione.

Tool di infrastructure management come enStratus e RightScale permettono per esempio di integrare cloud private e pubbliche in una singola cloud virtuale. Supportano allo stesso tempo attività on-demand di provisioning e de-provisioning delle risorse, così come l'integrazione di queste ultime, soddisfando l'automazione dello stack applicativo.


Le caratteristiche dei tool di infrastructure management includono funzionalità come auto-scaling, automated disaster recovery, backup management e cloud abstraction. 


Il configuration management aiuta invece a compiere la transizione da ambienti It tradizionali a “devops”. Con quest'ultima si intende una filosofia operazionale che invece di essere costruita attorno a procedure e policy documentate, associa l'applicazione e il system management a script riusabili che supportano proven and repeatable automation.

Questo modello ben si adatta all'infrastruttura di cloud computing perché consente una completa programmazione delle attività relative al deployment delle risorse It. Uno strumento di gestione dell'infrastruttura usa tipicamente un tool come Chef o Puppet per abilitare il provisioning della piattaforma e soddisfare le necessità di deployment delle applicazioni.

Se si ha la necessità di eseguire il deployment di un'applicazione Lamp (Linux-Apache-MySql-Perl) in una cloud privata, saranno a questo scopo definiti i template delle virtual machine utilizzando una struttura basata sulla logica di virtualizzazione dell'infrastruttura.

Il passo successivo è determinare l'architettura applicativa utilizzando un tool di gestione dell'infrastruttura. Quest'ultimo predispone l'allocamento delle virtual machine nella piattaforma cloud e, una volta acquisite, vengono disposte negli host fisici appropriati.
Il cloud management tool comunica quindi al tool di configuration management di configurare ciascuna virtual machine al fine si supportare il pezzo dello stack Lamp associato. Infine, il cloud management tool effettua il deployment delle componenti applicative sulle virtual machine e il sistema è pronto per entrare in funzione.
 
 

Altre componenti Cloud
 

Quanto appena descritto può corrispondere a un livello di sofisticazione adatto alla maggior parte delle organizzazioni. Tuttavia, in ambienti dove è richiesta una forte flessibilità, o se si intendono mettere in produzione applicazioni che devono sostenere improvvisi e imprevedibili picchi di traffico, è bene valutare l'utilizzo di tool specifici che permettono di gestire il workflow ed effettuare test di scalabilità.

 

Copyright © 2012 Format SRL - P.Iva 01023960055 - Fraz.Quarto Inferiore, 275/G - 14100 Asti (AT) - Tel.0141.293931 / 0141.293937 - Fax.0141.293913 - vedi Cartina
Tutti i diritti riservati. Condizioni d'uso Norme sulla privacy